Amianto: obbligo di bonifica entro il 16/01/2016

Entro il 16 gennaio 2016, stando agli obblighi vigenti in Regione Lombardia, dovrà essere effettuata la bonifica di materiali contenti amianto.

Cosa significa bonifica?
Ad oggi chi possiede una copertura in amianto ha di fronte a sé diverse possibilità sia in relazione allo stato di conservazione dell’amianto, sia alla tipologia di edifi cio sottostante. Questo perché per “bonifica” si intende non soltanto la rimozione dell’amianto, e dunque la sostituzione dell’amianto con altra copertura, ma anche procedure come l’incapsulamento e la
sovra-copertura. Infatti, quando una copertura in cemento-amianto è affetta da uno stato di degrado devono essere intraprese azioni di bonifica che consistono in una fra 3 opzioni:

  1. Sovra-copertura: consiste in un intervento di confinamento che si ottiene installando una nuova copertura al di sopra di quella in amiantocemento che viene lasciata in sede quando la struttura portante sia idonea a sopportare un carico permanente aggiuntivo.
  2. Incapsulamento: prevede invece l’utilizzo di prodotti ricoprenti la copertura in cemento-amianto; preliminarmente all’applicazione di tali prodotti si rende necessario un trattamento della superficie del materiale, al fine di pulirla e garantire l’adesione del prodotto incapsulante. Il trattamento finale dovrà essere certificato dall’impresa esecutrice. Tale intervento non desime il committente dall’obbligo di verificarne lo stato di conservazione.
  3. Rimozione: prevede un intervento di asportazione totale della copertura in cemento amianto e sua sostituzione con altra  opertura. Chiaramente, in quest’ultimo caso, si ha la garanzia totale di non vivere e/o lavorare più a contatto con questa
    pericolosa sostanza.

Le spese edili sostenute per la rimozione godono della defiscalizzazione del 50% (limitatamente alle unità immobiliari
a carattere residenziale come esplicita la Guida dell’Agenzia delle Entrate), e del cosiddetto Ecobonus, visto per il caso delle detrazioni fiscali 65% e previsto per gli interventi di sostituzione e coibentazione delle coperture esistenti.

CONDIVIDI SU: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest