FATTURAZIONE ELETTRONICA PER I CARBURANTI: UFFICIALE IL RINVIO AL 2019

Gentili Associati,

riportiamo il comunicato stampa del 27 giugno 2018 mediante il quale il Consiglio dei Ministri ha confermato di aver adottato un decreto legge che rinvia al 1° gennaio 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica per le cessioni di carburante.

Sarà pertanto ancora possibile utilizzare la scheda carburante fino al 31.12.2018, ma per detrarre l’IVA e dedurre la spesa, così come per il recupero delle accise, resterà indispensabile l’utilizzo di mezzi di pagamento tracciabili. Di seguito il comunicato.

 

“Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n.7

27 Giugno 2018

Il Consiglio dei ministri si è riunito oggi, mercoledì 27 giugno 2018, alle ore 19.05 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte. Segretario il Sottosegretario alla Presidenza Giancarlo Giorgetti.

*****

FATTURAZIONE ELETTRONICA

Proroga del termine di entrata in vigore degli obblighi di fatturazione elettronica per le cessioni di carburante (decreto legge)

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’economia e delle finanze Giovanni Tria, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio e con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli, ha approvato un decreto legge che introduce disposizioni urgenti relativamente agli obblighi di fatturazione elettronica per le cessioni di carburante.

In particolare, il provvedimento rinvia al 1° gennaio 2019 l’entrata in vigore dell’obbligo, previsto dalla legge di bilancio 2018 (legge 27 dicembre 2017, n. 205), della fatturazione elettronica per la vendita di carburante a soggetti titolari di partita IVA presso gli impianti stradali di distribuzione, in modo da uniformarlo a quanto previsto dalla normativa generale sulla fatturazione elettronica tra privati.”

 

Link al Decreto Legge

Dott. Luca Antonio Vizzini

UFFICIO SINDACALE – CONFARTIGIANATO IMPRESE PAVIA

CONDIVIDI SU: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest