IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE E NORMATIVA ANTINCENDIO

Pavia, 7 febbraio 2017

Sempre più spesso giungono domande sull’uso dei nuovi gas infiammabili (come ad es. l’R32, R290, R600) negli impianti di condizionamento con chiller e pompe di calore. Prima di effettuare l’installazione occorre prendere in considerazione la tipologia del locale in cui potrebbe verificarsi la perdita.

I Vigili del Fuoco hanno ricordato come le installazioni con refrigeranti infiammabili sono di fatto limitate nei seguenti casi:

→ alberghi

→ uffici con oltre 25 persone

→ attività commerciali oltre i 400 mq

→ scuole

→ ospedali (compresi anche gli ambulatori)

 

Per gli alberghi, gli uffici, gli ospedali, i locali di pubblico spettacolo – sia per gli impianti centralizzati che per quelli localizzati – è consentito il condizionamento dell’aria a condizione che il fluido refrigerante non sia infiammabile e/o tossico.

Per le sopracitate attività commerciali la limitazione è analoga ma gli impianti localizzati di tipo UTA possono essere installati direttamente negli ambienti serviti purché la potenza elettrica di ognuno non superi i 50 kW.

Nei gruppi frigoriferi installati nelle scuole devono essere utilizzati fluidi frigorigeni non infiammabili inoltre se si tratta di impianti centralizzati con potenza superiore a 75 kW i gruppi stessi devono essere installati in locali appositi, così come le centrali di trattamento aria superiori a 50.000 mc/h.

Le normative in questione distinguono tra edifici nuovi, esistenti (al momento della pubblicazione della legge) o in ristrutturazione. Il Certificato Prevenzione Incendi deve essere comunque aggiornato in caso di variazioni delle condizioni di sicurezza antincendio, sottoponendolo alla valutazione dei VVFF.

In conclusione per installatori e manutentori nel caso di utilizzo di refrigeranti infiammabili è importante prendere in considerazione i requisiti della UNI EN 378 e verificare sempre di non ricadere nelle casistiche di prevenzione incendi sopracitate.

 

Distinti saluti.

dott. Pietro Rizzi

 

CONDIVIDI SU: Email this to someoneShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest